Tracce e voci

Tracce, voci e testimonianze dirette e indirette

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

The Life of Spinoza, Colerus (1705) Part I – (in inglese) Johannes Koehler (1647-1707), Düsseldorf, pastore luterano, dal 1679 ad Amsterdam e dal 1693 a L’Aja. Abita nella stessa casa in cui era morto Spinoza 20 anni prima.

Maria Clara, la figlia di di van den Enden

Vanden Ende had an only Daughter, who understood the Latin Tongue, as well as Musick, so perfectly, that she was able to teach her Fathers Scholars in his absence. Spinosa having often occasion to see and speak to her, grew in Love with her, and he has often confest that he design’d to marry her. She was none of the most Beautiful, but she had a great deal of Wit, a great Capacity and a jovial Humour, which wrought upon the Heart of Spinosa, as well as upon another Scholar of Vanden Ende, whose name was Kerkering, a Native of Hamburgh. The latter did soon perceive that he had a Rival, and grew Jealous of him. This moved him to redouble his care, and his attendance upon his Mistress; which he did with good success: But a Neck-lace of Pearls, of the value of two or three hundred Pistoles, which he had before presented to that Young Woman, did without doubt contribute to win her Affection. She therefore promised to Marry him: Which she did faithfully perform, when the Sieur Kerkering had abjured the Lutheran Religion, which he profest, and embraced the Roman Catholick. See the preface of Kortholt de tribus Impostoribus, of the 2nd Edition.

I disegni di Spinoza

“After he had perfected himself in that Art, he apply’d himself to Drawing, which he learn’d of himself, and he cou’d draw a Head very well with Ink, or with a Coal. I have in my Hands a whole Book of such Draughts, amongst which there are some Heads of several considerable Persons, who were known to him, or who had occasion to visit him. Among those Draughts I find in the 4th Sheet a Fisherman having only his Shirt on, with a Net on his Right Shoulder, whose Attitude is very much like that of Massanello, the famous Head of the Rebels of Naples, as it appears by History, and by his Cuts. Which gives me occasion to add, that Mr Vander Spyck, at whose House Spinosa lodged when he died, has assured me, that the Draught of that Fisherman did perfectly resemble Spinosa, and that he had certainly drawn himself. I need not mention the considerable Persons, whose Heads are likewise to be found in this Book, amongst his other Draughts.”

-.-.-.-.-.-.

Colerus: «Ho tra le mani un libro intero di ritratti simili dove si trovano diverse persone distinte e che lui conosceva o che avevano avuto occasione di recargli visita. Tra questi ritratti, trovo al quarto foglio un pescatore disegnato in camicia, con la rete sulla spalla destra, assolutamente somigliante al famoso capo dei ribelli di Napoli, Mazaniello, come viene rappresentato nella storia. A proposito del disegno in questione non devo omettere che il signor Van der Spyck, presso cui alloggiava Spinoza al momento della sua morte, mi ha assicurato che il bozzetto ritratto assomigliava perfettamente a Spinoza, e che l’aveva senza dubbio disegnato prendendo se stesso a modello».

L’aspetto di Spinoza

“As for his Person, his Size, and the features of his Face, there are still many people at the Hague, who saw and knew him particularly. He was of a middle size, he had good features in his Face, the Skin some what black, black curled Hair, long Eye-browns, and of the same Colour, so that one might easily know by his Looks that he was descended from Portuguese Jews. As for his Cloaths, he was very careless of them, and they were not better than those of the meanest Citizen. One of the most eminent Councellors of State went to see him, and found him in a very slovenly Morning-Gown, whereupon the Coun cellor blamed him for it, and offered him another. Spinosa answered him, that a Man was never the better for having a finer Gown. To which he added, It is unreasonable to wrap up things of little or no value in a precious Cover.”

.-.-..-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

Vie de Benoit de Spinoza, di Colerus (in francese)

“Breve ma veridica vita di Benedetto Spinoza”, scritta in nederlandese nel 1705 dal pastore luterano Johannes Koehler (Colerus), che per alcuni anni aveva abitato nella stessa casa di Spinoza a L’Aia,


Vie de Spinoza, (in francese) di  Jean Maximilien Lucas,

 


-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Rembrandt: Saul e David

Rembrandt et Spinoza– di André-Charles Coppier, Revue des Deux Mondes tome 31, 1916

Le 26juillet 1656, Spinoza était exilé d’Amsterdam par un arrêt du Magistrat, à la demande des Rabbins qui l’avaient excommunié la veille. Le même jour, Rembrandt assistait, atterré, à la saisie de ses collections et de ses meubles, ordonnée, aussi dès la veille, par les mêmes autorités.

Ce tableau de Rembrandt a pour titre David et Saül. Il est daté de 1657. Il figure au musée royal de La Haye

la figure de Baruch se superpose exactement au masque étroit de ce David étrange, dont la lèvre épaisse s’assombrit d’une petite moustache noire.

Certes, ce n’est pas un portrait rigoureux ; la chose était d’ailleurs impossible, puisque, en 1657, Spinoza était exilé. Au surplus, Rembrandt n’a jamais été un portraitiste bien fidèle

Tout d’abord, il faut se rappeler que Rembrandt habita presque toujours la Breedestraat, durant tout le temps du séjour de Spinoza à Amsterdam. De 1639 à 1658, il posséda cette maison.

La maison des Spinoza donnait sur le Hout-Gracht, le canal qu’on a comblé pour en faire la Waterloo-Plaatz et qui continuait vers les remparts, au coin de la Léproserie, ce Ververs-Gracht, le canal des teinturiers, reflétant aujourd’hui, comme au XVIIe siècle, l’élégante tour de la Zuyderkerk, qui domine tout le quartier.

Dans la grande cité trépidante, c’était un coin tranquille, toute une petite vie provinciale et exotique, assez fermée, que ce quartier, près des remparts, construit à neuf sur les nouveaux agrandissemens de la ville. -Quarante mille Juifs y demeuraient, attirés  vers la « Nouvelle Jérusalem » que l’esprit tolérant, et plus pratique encore, du Magistrat d’Amsterdam leur avait permis d’édifier, en marge du grand Etat prospère. Mais ce n’était pas un Ghetto à l’italienne,…De nombreux artistes y demeuraient, séduits par le pittoresque de cette foule singulière. (Rembrandt, Nicolaës Elias, dit Pickenoy,…)

Van der Ende: Sa fille, Claire-Marie, n’était pas des plus belles ni des mieux faites ; » mais elle avait « beaucoup d’esprit, de capacité et d’enjouement ; » elle en usa si bien que Spinoza devint amoureux d’elle. ….Spinoza avait un rival jaloux, un Allemand luthérien, du nom de Kerkering, qui, pour brusquer les choses, offrit à la jeune fille un collier de perles de deux à trois cents pistoles ; puis il abjura le luthéranisme, pour se faire catholique romain, et Claire-Marie l’épousa.

Ménassé-ben-Israël, (1604-1657) qui fut le fidèle ami de Spinoza et de Rembrandt,


-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Theodor (o Dirk) Kerckringo Kerckerinck (22 July 1638 – 2 November 1693) medico, fisico e chimico. Sposa la figlia di van den Enden, Maria Clara, pare nel 1671.  Si dice che nelle sue ricerche di anatomia abbia usato un microscopio realizzato da Spinoza. Lui claudicante, Spinoza tisico… che scuola! Entrambi erano allievi di van den Enden, dove la figlia Maria Clara (1644, dodicenne) insegnava  loro il latino nel 1656 circa


.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Sir Frederick Pollock

Spinoza: his life and philosophy  – 1880, Pollock, Frederick, Sir, (1845-1937)

 Secondo Pollock, che riprende Johannes Colerus (1647-1707, Le vite di Spinoza, 1705), l’attentato è avvenuto prima della espulsione dalla comunità ebraica, infatti si era già trasferito in una comunità di collegianti in Ouwerkerk road quando ricevette la notizia.

“There is a story that Van den Ende was assisted in his teaching by a daughter, of singular wit, learning, and accomplishments. Spinoza, the story goes, was among her pupils, and from a pupil became a lover. But he had a rival in a fellow-pupil named Kerkering, who finally won the lady’s hand by the help of a valuable pearl necklace. Now it is true that Van den Ende had a daughter named Clara Maria, who married Theodore Kerkkrinck (such is the authentic form of the name). The date of the marriage, however, has been ascertained by Van Vloten to be 1671 (the year when Van den Ende left Holland), and it appears by the register that the bride was twenty-seven years old. Now Spinoza was excommunicated and left Amsterdam in 1656. Clara Maria van den Ende was therefore eleven or twelve years old at the latest time when Spinoza could have been her father’s pupil, and the tale of the students’ rivalry and the pearl necklace must be dismissed. Kerkkrinck was a physician, who published works on medicine, anatomy and chemistry, and carned a considerable scientific reputation, so that the match was in itself a natural one enough for Van den Ende’s daughter. The question remains whether the tale of Spinoza’s love for her is absolutely without foundation. There is no reason whatever to suppose that Spinoza did not keep up his acquaintance with Van den Ende in the visits which we know that he made from time to time to Amsterdam; and thus we have occasion and room enough for a friendship extending into Klaartje’s riper years, which may have passed into a serious inclination. A romantic affection we cannot ascribe to Spinoza at this time: it would be too much out of keeping with all his habits and character; and one may shrewdly suspect that his inclination never in truth got beyonda hypothetical stage. He was likely enough to be rallied by host or friends on his hermit life, and not unlikely to put them off with some such answer as that, if he married a wife, it should be Van den Ende’s daughter. A speech or two of this kind would be ample foundation for the story given by Colerus, and a simple confusion of dates would do the rest.” (pag. 13) Nota: traduzione

TRADUZ: C’è una storia che racconta che Van den Enden era assistito nel suo insegnamento da una figlia, con uno spirito singolare, nell’apprendimento e per i risultati. La storia racconta che Spinoza fosse tra i suoi allievi, e che da alunno divenne innamorato. Ma aveva come rivale un compagno di scuola di nome Kerkering, che alla fine vinse la mano della donna con l’aiuto di una preziosa collana di perle. Ora, è vero che Van den Enden aveva una figlia di nome Clara Maria, che sposò Theodore Kerkkrinck (tale è la forma autentica del nome). La data del matrimonio, tuttavia, è stata accertata da Van Vloten nel 1671 (anno in cui Van den Ende lasciò l’Olanda), e dal registro risulta che la sposa aveva ventisette anni. Ora Spinoza fu scomunicato e lasciò Amsterdam nel 1656. Clara Maria van den Enden aveva allora undici o dodici anni quando Spinoza poteva essere l’allievo di suo padre, quindi la storia della rivalità studentesca e della collana di perle devono essere respinte. Kerkkrinck fu un medico, che pubblicò opere di medicina, anatomia e chimica, e ottenne una notevole reputazione scientifica, così che la scelta di Theodore (Dirk) fu abbastanza naturale per la figlia di Van den Ende. La domanda rimane se la storia dell’amore di Spinoza per lei è assolutamente priva di fondamento. Non c’è alcun motivo per supporre che Spinoza non abbia mantenuto la sua conoscenza di Van den Ende nelle visite che sappiamo aver fatto di tanto in tanto ad Amsterdam; non mancano occasioni e circostanze per pensare a una relazione di amicizia con Clara che prosegue negli anni e che potrebbe essersi trasformata in una seria passione. Un affetto romantico che non possiamo attribuire a Spinoza in questo momento: sarebbe troppo sconveniente con tutte le sue abitudini e il suo carattere;

.–. 

“During the period of suspense which followed, Spinoza’s life was aimed at by an unknown enemy, presumably some fanatic outrunning the zeal of his masters, or thinking himself a divinely appointed messenger to rebuke their tardiness in defending the faith by a striking example. This man set upon Spinoza with a daggerone evening as he was leaving the Portuguese synagogue. But he avoided the blow in time, and it pierced only his coat, which he afterwards kept in the same condition as a memorial. Being warned by this attack that Amsterdam was no longer a safe place for him, he betook himself to the hospitality of a friend who dwelt a little way out of the city, on the Ouwerkerk road. His host belonged to the small dissenting community of Remonstrants or Collegiants. Here, under the roof of heretics anathematized by the Synod of Dort, he learnt the final decision of the Jewish congregation on the charge of heresy against himself. The sentence was pronounced on July 27, 1656, in the Portuguese language.” (pag. 17)

Nota – ” Our data for these events are still meagre, and they order in time uncertein: but we cannot doubt that a lesser excommunication preceded order the final one. See: Gratz, x. 175. Lucas gives what purport to be details of the earlier proceedings, but in his usual confused manner and with improbable circumnstances.”
Nota – “I follow Colerus‘s account as the best supported and most probable. Difficulties have been raised about the incident : they are discussed in Van Vloten’s Levensbode, ix. 419.” Nota: traduzione

 TRAD: Quest’uomo assalì Spinoza con un pugnale mentre di sera lasciava la sinagoga portoghese. Ma lui evitò il colpo in tempo e il coltello trafisse solo il suo cappotto; cappotto che poi ha conservato nelle stesse condizioni per tutta la vita. Dopo l’aggressione, avendo capito che Amsterdam non era più un posto sicuro per lui, trovò ospitalità da un amico che abitava un po ‘fuori città, sulla strada di Ouwerkerk. Il suo ospite apparteneva alla piccola comunità dissenziente dei Remonstrants o Collegiants. Qui, sotto il tetto degli eretici, sotto anatema del Sinodo di Dort, apprese la decisione finale della congregazione ebraica sull’accusa di eresia contro di lui. La frase è stata pronunciata il 27 luglio 1656, in lingua portoghese”

Nota – “I nostri dati per questi eventi sono ancora scarsi, e ordinati in una successione incerta, ma non possiamo dubitare che una scomunica minore abbia preceduto l’ordine finale. Vedi: Gratz, x. 175. Lucas fornisce quelli che potrebbero essere dei dettagli dei precedenti procedimenti, ma nel suo solito modo confuso e con improbabili circostanze. “Nota: “Seguo il racconto di Colerus come il più dimostrato e il più probabile. Sono state sollevate difficoltà riguardo all’incidente: discusse in Levensbodedi Van Vloten, ix. 419″

Every form of representative government is a democracy in Spinoza’s sense… his intention to treat only of one form of democracy, that namely “in which al men indifferntly who owe undivided allegiance to the State, are in other respects of legal capacity, and are of good conversation, are entitled to vote in the sovereign assembly and to undertake  the offices of government”. This is intended to exclude, as Spinoza explains, aliens, women, infants, serfs, and criminalsOn the point of excluding women from political power he gives reasons in a separate paragraph, the last of the unfinished chapter. He puts it simply on the ground that men are the stronger; not merely with their physical strength as individuals, but intellectually and in social combination.
If women were by nature the equals of men, and equally endowed with firmness of mind and intellect, wherein chiefly consists human power, and consequently right, then surely among so many and various nations there should be found some where both sexes ruled equally, and others where men were ruled by women and so brought up as to be inferior to them in intellect.
(This anticipates the topic much insisted on by some recent advocates, that the general inferiority of women to men is entirely the result of education.)
And seeing this hath nowhere come to pass, we may clearly affirm that women have not by nature an equal right with men, but must needs give place to them; and hence that it is not possible the two sexes should bear rule equally, much less that men should be ruled by women.’
Further, a little consideration of human passions and jealousies will show that ‘equal rule of men and women cannot have place without great prejudice to peace.’ It is open to supporters of female suffrage either to disregard Spinoza’s objections as frivolous, and dismiss him, like other opponents, as a narrow-minded person, or to distinguish him on the ground that he was considering the question, not of a vote for representatives, but of a direct and active participation in public affairs. It is more to our present purpose to remark that the objections, whatever may be thought of their merits, are not at all of the kind we should expect from a man answering to the popular notion of Spinoza. They are far from being appropriate to a man who sits in a garret and spins metaphysical cobwebs.” (pag.337)


-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Leibniz e Spinoza a cena con Dio, art di Michele Magno.

Novembre 1676: Gottfried Wilhelm Leibniz entra in una una casa di mattoni rossi, alla periferia settentrionale dell’Aja. Ad attenderlo c’era Baruch Spinoza. Cominciano a parlare in una minuscola stanza sottotetto, con un tornio per molare le lenti da un lato e un letto a baldacchino dall’altro. Al centro un tavolino di legno grezzo e in un angolo una cartella di schizzi a inchiostro, tra cui un ritratto di Masaniello. Secondo il proprietario della casa, il pittore Hendrick van der Spyck, Baruch eccelleva nel disegno e il ritratto del capopopolo napoletano “rassomigliava sorprendentemente” al suo inquilino. L’incontro dura poche ore o forse qualche giorno, ancora non è chiaro. Rovistando tra le biografie dei due giganti del pensiero moderno, Matthew Stewart ha cercato di ricostruirne la genesi in un controverso volume di alcuni anni fa, poi riedito da Feltrinelli (“Il cortigiano e l’eretico”).

“Baruch aveva buoni motivi di temere per la propria incolumità. Il più carismatico teologo del tempo, il giansenista Antoine Arnauld, lo aveva definito “l’uomo più empio e più pericoloso del secolo, … che merita di essere coperto di catene e fustigato con una verga”.”

“Ho trascorso tante ore con Spinoza dopo cena”, annota Leibniz dopo una delle loro chiacchierate. “[…] Non vedeva con chiarezza -prosegue- gli errori nelle leggi del moto di Monsieur Descartes; restò sorpreso quando io presi a mostrargli che esse violavano l’eguaglianza di causa ed effetto”. Ma l’oggetto principale dell’incontro sarà un altro. Ne abbiamo una sola ma importante testimonianza diretta. Pubblicata per la prima volta nel 1890, è una paginetta intitolata “Quod ens perfectissimus existit”. Leibniz l’aveva scritta per contestare il “Deus sive Natura” di Spinoza. Tuttavia, in seguito ammetterà che Baruch non era stato persuaso dalle sue due prove dell’esistenza di Dio, quella ontologica e quella cosmologica. Sette anni dopo il loro incontro, l’autore della “Teodicea” riconoscerà che il suo ospite era sinceramente convinto di “essere al servizio dell’umanità, liberandola da superstizioni infondate”. E aggiunge:”Si deve convenire che Epicuro e Spinoza, ad esempio, condussero una vita del tutto esemplare”.


-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Spinoza, di Borges

Las traslúcidas manos del judío
labran en la penumbra los cristales
y la tarde que muere es miedo y frío.
(Las tardes a las tardes son iguales.)

Las manos y el espacio de jacinto
que palidece en el confín del Ghetto
casi no existen para el hombre quieto
que está soñando un claro laberinto.

No lo turba la fama, ese reflejo
de sueños en el sueño de otro espejo,
ni el temeroso amor de las doncellas.

Libre de la metáfora y del mito
labra un arduo cristal: el infinito
mapa de Aquel que es todas Sus estrellas.


-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

 

Biografia di Franciscus Van den Enden – 

1652 Franciscus van den Enden’s Amsterdam art shop is declared bankrupt.

The first evidence that Van den Enden had opened a Latin school in Amsterdam dates from February 8, 1654,

1657 muore la moglie Clara Maria Vermeeren

“In January 1657, his pupils acted in four performances, two of Terence’s Andria, on January 16 and 17, and two of a Neo-Latin play by Van den Enden, Philedonius, on January 13 and 278. A year later they again appeared on four nights, this time to present Terence’s Eunuchus, “played in Latin with a Comedy in Greek by some Students” on May 21 and 22, and Seneca’s Troas (or Troades) on May 28 and 299. One of Van den Enden’s pupils in this period, Benedictus de Spinoza (1632-1677), was almost certainly involved in these performances and probably played the role of the slave in Terence’s Eunuchus, as he would later often quote from this play”

“Finally, one more name, that of the physician Theodor Kerckrinck(1638-1693), can be added with certainty, and – as far as the available sources allow us to ascertain – Van den Enden’s bond with this pupil was the most long-lasting and thorough going.”

1669, December 26 – In Amsterdam the first meeting is held of the literary society Nil volentibus arduum, with among its members Lodewijk Meyer, Johannes Bouwmeester, Andries Pels, David Lingelbach, Johannes Antonides van der Goes, Ysbrand Vincent, Anthonius van Coppenol, Moesman Dop, Reynier van Diephout and Denijs Wynants.

Thursday, February 5, 1671: Notification of the intended marriage of Theodoor Kerckrinck and Clara Maria van den Enden  in the Puyboeck of the City of Amsterdam. 

Franciscus van den Enden,sezione dedicata nel sito dell’Università di Gent.


.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Romanzo (non letto)

Il problema Spinoza, 2012, di Irvin D. Yalom


.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Spinoza a scuola di classici latini con Van den Enden

Philedonius, 1657, Spinoza, Van den Enden e i classici latini, di Omero Proietti

Nota: breve biografia dell'autore:
Breve biografia dell’autore: insegna Storia della filosofia moderna e contemporanea, Macerata. Tra i suoi libri: Spinoza e i farisei (2003); Uriel da Costa e l’«Exemplar humanae vitae» (2005); «Agnostos theos». Il carteggio Spinoza – Oldenburg, 1675-1676 (2006). Nel 2005 edizione critica del Tractatus politicus (Puf, Paris). Nel 2007 ha tradotto e annotato il Tractatus theologico-politicus, il Tractatus politicus, molte Epistolae spinoziane (Mondadori, Milano), «Philedonius, 1657». Spinoza, Van den Enden e i classici latini (2010).

Il Dictionaire historique et critique di Bayle (Rotterdam 1702, tomo III, p. 2767), con i successivi chiarimenti e le precisazioni di Leibniz, che tutto ha visto e conosciuto, dona diffusione universale alla notizia che Van den Enden sia stato il maestro di latino di Spinoza:

[Spinoza] étudia la langue latine sous un medicin, qui l’enseignoit à Amsterdam, et il s’apliqua de fort bonne heure à l’étude de la Theologie et y emploia plusiers années; après quoi il se consacra tout entier à l’étude de la Philosophie.

Leibniz si riferisce al passo del Dictionaire di Bayle,  riproducendo anche, letteralmente, con poche varianti ortografiche, la nota bayliana, posteriore al 1700: «qu’une fille enseigna le latin à Spinoza, et qu’elle se maria ensuite avec Mr. Kerkering, qui étoit son disciple en même temps que Spinoza».

Se con Lucas si può pensare che Spinoza frequenti la scuola di Van den Enden già negli anni 1655-1656, la recentissima scoperta della vera data di nascita di Clara Maria van den Enden (20 agosto 1641) ridona senso alle testimonianze di Kortholt, Colerus e Leibniz. Posta la data di nascita 1643, stabilita erroneamente da Meinsma, suscitava l’imbarazzo unanime degli studiosi e il fermo disdegno di Freudenthal, il fatto che una fanciulla di appena tredici anni avesse potuto, non solo dare ripetizioni di latino a Spinoza e Kerckerinck, ma suscitare le intense passioni e le gelosie raccontate da Colerus. Ma le testimonianze di Kortholt, Colerus e Leibniz si riferivano senz’altro agli anni 1657-1658, periodo in cui Clara Maria non aveva affatto l’età a lei attribuita da Meinsma, ma quasi quella in cui sua madre aveva potuto sposare suo padre.

Non si andrà dunque molto lontano dalle fonti e dalla verità storica, nello stabilire che Spinoza, nel 1656-1658, è intento a perfezionare il suo latino alla scuola di Van den Enden. La preziosa testimonianza di Willem Goeree coglie però un aspetto importante della didattica di Van den Enden, che come nelle scuole gesuite è centrata sull’actio retorica e drammaturgica14. In questo senso, per capire l’originaria natura del latino di Spinoza, diviene importante riscoprire il segno profondo, lasciato nella sua pagina scritta dalle recite di Terenzio o di Seneca.

Nel corso dell’Ottocento, dopo un silenzio di oltre un secolo, durante il quale Spinoza si diffonde soprattutto nella letteratura clandestina dell’illuminismo “politico” e “anticristiano”, le opere spinoziane sono ristampate ad un ritmo quasi decennale.

Tractatus theologico-politicus; un conto (in linea con il proposito dichiarato dall’autore) ritenere che quest’opera, interrotta per le crude vicende politiche olandesi e per l’urgenza di scrivere il Tractatus politicus, faccia parte di un progetto comune ad alcuni «amici di Spinoza», che dall’ottobre 1669 si sono raccolti nell’associazione culturale di Amsterdam: Nil volentibus arduum. Un progetto comune, del periodo 1670-1675, teso a cogliere, razionalisticamente, la grammatica universalis sottesa alle lingue particolari e storiche.

K. O. Meinsma (1865-1929), fantasioso freethinker, ma instancabile scopritore di quasi tutti i documenti e le testimonianze di prima mano concernenti Spinoza. Nel 1896, nel capitolo quinto della sua biografia spinoziana, intitolato significativamente Il lucianista, Meinsma riportava alla vita uno stravagante “ex-gesuita”, fondatore e direttore di una libera scuola di latino nella Amsterdam degli anni 1652-1658: quel Franciscus van den Enden,

Notando come le utilizzazioni dell’Eunuchus si concentrassero sulle battute del servo Parmeno, avanzava l’ipotesi che nella recita del 1658 Spinoza avesse appunto recitato quel ruolo28. Più tardi, sulla scia di Leopold, anche chi scrive, dopo un minuto censimento delle utilizzazioni terenziane, riteneva che la partecipazione alle recite degli anni 1657-1658 fosse più che probabile, e che in esse Spinoza avesse recitato le parti di Parmeno e del senex Simo dell’Andria.

“Eppure, l’immagine del vir fortis, il ritratto dell’homo liberche Seneca ha delineato in molte pagine delle Epistulae, torna nelle due ultime proposizioni dell’Ethica. Anche senza le analisi condotte in Ethica, 21-50, anche senza sapere che la nostra mente è eterna, Spinoza assegna il primo posto alla moralità e alla religio, cioè alle virtù della fortezza d’animo e della generosità. Ritiene “servile” e “mercenaria” la comune persuasione del volgo, secondo la quale la libertà consiste nell’obbedire alle proprie voglie.”


.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

L’averroismo di Spinoza attraverso Uriel da Costa
La via della ragione. Elia del Medigo e l’averroismo di Spinoza(Eum, 2013). di Giovanni Licata, Storia della filosofia. Si è occupato delle fonti ebraiche di Spinoza. vedi Leggere Spinoza alla luce della tradizione averroista ebraica, di Giovanni Licata.

“a partire dal XIII secolo, grazie al grande numero di traduzioni dall’arabo all’ebraico di Averroè, effettuate da circoli illuminati di ebrei provenzali provenienti dalla penisola iberica, il mondo ebraico ha avuto, rispetto a quello latino, una conoscenza quantitativamente superiore e qualitativamente più fedele del pensiero del filosofo andaluso.

se si volge l’attenzione al milieu spinoziano di Amsterdam, come già emergeva dalle ricerche di Israel Samuel Révah, tesi di ascendenza averroista circolavano ampiamente tra gli ex-marrani portoghesi che erano emigrati ad Amburgo e ad Amsterdam all’inizio del XVII secolo. Due personaggi, in particolare, sono stati decisivi per l’allontanamento di Spinoza dall’ebraismo e dalla religione, il medico Juan de Prado e il giurista Uriel da Costa (Porto, 1583?-Amsterdam, 1640?).
Proietti ha dato ampio spazio a tesi filosoficamente cruciali dell’opera: l’ordine della natura, la negazione dei miracoli e l’eternità del mondo, che trovano una chiara formulazione nella questão che chiude l’Exame: “Perguntase se osçeos, e a terra acabaráõ, e fará Deos consumaçaõ com as creaturas, ou pello contrario tudo estará sem fim. Respondemos que tudo estará sem fim, e naõ fará Deos com as creaturas consumaçaõ”.


.-.-.-.-.-.-.-.-.

Dizionario storico-critico, Pierre bayle (1647 – 1706), 

Pierre Bayle

 – Jelles Jarig, Simon de Vries, Ludowijk Mayer, Pieter Balling, Johannes Bouwmeester (nota a Bayle)

 – Non sono riuscito a sapere nulla di particolare sulla famiglia di Spinoza, ma si ha ragione di credere che fosse povera e di modestissima condizione sociale… (p. 355)

 – Secondo Bayle Spinoza ha iniziato il Trattato TP mentre si trovava a Ulma, e da qui fu cacciato dal magistrato per le sue idee

 – setta cinese Foe Kiao, fondata da Xe Kiao (poi Foe: non uomo), imposta d’autorità ai cinesi nel 65 dC. Due livelli di verità: quella esterna per il popolo espressa nella religione, e quella interna per gli iniziati (tutto si fonda sul nulla, sul vuoto).

 – Spinoza ha soggiornato per un certo periodo all’Aia, dove tutti gli spiriti curiosi andavano a fargli visita, e fra questi non sono mancate alcune fanciulle di buona famiglia.

Corrispondenza

– «Quelli che hanno avuto rapporti con Spinoza», scrive Pierre Bayle, «anche i contadini dei villaggi ove egli per qualche tempo ha abitato in solitudine, si accordano in ciò: che egli era un uomo con cui si trattava volentieri, perché era sempre amichevole, cortese e molto regolato nei suoi costumi».


Spinoza and Christiaan Huygens: The Odd Philosopher and the Odd Sympathy of Pendulum Clocks (PDF)

La “chiarissima” questione del pendolo…


.-.-..-.-.-.-.—-….-.


.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

Share