Fotografare il cibo

La foto del piatto al ristorante – il cibo che poi si mangia – è un altro aspetto dell’appropriazione emozionale attraverso la fotografia. Molti ristoratori ne sono infastiditi, ma per il turista è una necessità dell’anima. Alcuni arrivano persino con un piccolo cavalletto per non usare il flash.

Le ragioni non sono culinarie e ovviamente neppure per soddisfare il gusto. Ciò che si fotografa non è il sapore, non è il gusto, ma la sua estetica, la sua “promessa di piacere”. È una emozione che si vive nell’attimo prima di mangiare. E non credo che basti la fotografia per rivivere quell’emozione.

Share