Categoria: Brevi

Eroe o martire

Erano i primi anni della guerra del Vietnam. I giornali e la televisione ne parlavano, a scuola si discuteva, e in pochi non eravamo d’accordo: era un’aggressione degli Stati Uniti al Vietnam. Lessi un articolo di propaganda filo-americana, (Selezione, dal…continua →

Milano è così bella

Milano è una Brutta Bestia che vuole divorarti ma tu la colpisci al fegato e lei ti schiaccia e tu la disprezzi e lei si apre sotto di te come una voragine e allora pensi di fuggire ma lei cerca…continua →

Oggi tocca agli indizi

Caro Giuliano, oggi tocca agli indizi. Chi ha rubato la gallina? Nella foto (di-non-so-chi) ci stanno i SEGNI lasciati da una gallina (merlo), da un cane e da un uomo. Bastano questi indizi per essere certi del colpevole?Lo strapazzato Peirce…continua →

Il naso di Cleopatra

Caro Giuliano. Ma che bisogno c’è di nascondere dietro la complessità del linguaggio il vuoto dell’esistenza, se non per sostenere che l’inconscio è l’Altro o meglio la verità dell’altro in rapporto all’io. Tutte balle. E il naso parlante di Cleopatra…continua →

L’universo è una banana

«L’universo è una banana», ha gridato di fronte ad un pubblico di studenti, giornalisti e curiosi. Stupore sul viso di molti, ma qualcuno ha lo sguardo illuminato. E’ stato accusato di falso, di follia, di avidità, di protagonismo e persino…continua →

L’ombrello e il filo spinato

  Belfast. Vento forte e il cielo plumbeo minacciava ancora pioggia. L’umidità entrava nelle ossa.  Vedevo sbarramenti, bidoni pieni di cemento, cavalli di frisia, recinzioni di ferro, filo spinato, muri scrostati o dipinti con i simboli della guerra.  In un…continua →

Foglietto trovato

Un foglietto trovato. Sullo sfondo azzurro intenso del cielo La linea delle montagne sembra un cardiogramma. Neve, roccia, verde spesso degli abeti. La nebbia sul fondo della valle. Il tramonto rosso e arancio. Uno scenario così: da mezza pensione e…continua →

abcdefgh

Adriana Barbara Carlotta Daniela Elisabetta Federica Gabriella e a quel punto la discussione fra mio padre e mia madre si fece accesa. Dovevano decidere il mio nome: ormai mancavano pochi giorni alla mia nascita. Purtroppo la loro intesa era crollata,…continua →

Appunti nel portacenere

Avrei voluto un personal computer e Internet anche allora, quando gli appunti si prendevano tutti a mano e al massimo si usava la macchina da scrivere per battere un volantino da ciclostilare. Tenevo tre piccoli raccoglitori con schede in cartoncino…continua →